C’era da aspettarselo (?)

Insomma, che due dirigenti americani di Big G sono indagati, per diffamazione aggravata, in relazione ai fatti del video vigliacco del ragazzo disabile torinese. Siccome, come riferisce la cronaca, la stampa non c’entra, si tratta di un caso di responsabilita’ del provider, non c’e’ dubbio. E scusate se ho questa certezza. E scusate se mi sembra anche che sia il primo caso da noi.
Dal Corriere online.
Mah…

Posted in Internet e stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *