Senza parole

Non se ne può più. Dopo che l’intervento del buon Roberto Cassinelli aveva scongiurato ogni pericolo, la cosiddetta norma “ammazzablog” ritorna sempre in una proposta di riforma delle intercettazioni.
La bozza, questa volta, ha provenienza ministeriale (Giustizia, ovviamente) ed è, proprio per questo, ancora più inaccettabile.
Nella sostanza, ricordo i tratti principali della norma proposta:
- 48 di tempo per le rettifiche, senza contraddittorio, “sulla fiducia”;
- sanzione sino a 12.000 euro in caso di inottemperanza.
Termini che possono riguardare la stampa, ma non certo le realtà amatoriali.
Una norma scritta da persone radicalmente estranee alla realtà: e sono quelle che ci governano.

Posted in Blogodiritto and tagged , .

11 Responses to Senza parole

  1. Pingback: La rettifica di Severino - manteblog

  2. .mau. says:

    sai trovarmi il testo del ddl, che il sito della Camera non è molto ottimizzato?

  3. Pingback: Senza parole | Notizie giuridiche dalla Rete

  4. frap1964 says:

    C’è da scommettere che abbiano riproposto pari pari l’art. 15 comma 1 a) e successivi del C1415 (ddl Alfano), ovvero:


    1. All’articolo 8 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:

    a) dopo il terzo comma è inserito il seguente:

    «Per le trasmissioni radiofoniche o televisive, le dichiarazioni o le rettifiche sono effettuate ai sensi dell’articolo 32 del testo unico della radiotelevisione, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177. Per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono»;

    E daccapo si pone il problema di accertare quando inizi temporalmente il periodo di 48 ore. Dal momento in cui ricevo la richiesta? E come lo si stabilisce con certezza questo momento? E dove e come va fatta ‘sta richiesta?
    Se poi uno può commentare un mio post senza moderazione, la rettifica se la fa automaticamente da sé.
    I soliti incompetenti ministeriali.

  5. @.mau. Non ho testi( figurati se li rendono disponibili…), mi sono basato su diverse voci documentate. Però penso che potrei mettere la usa quota con Francesco

  6. frap1964 says:

    Per la precisione, quel testo sarebbe stato modificato e poi approvato al Senato, in assemblea, il 6 ottobre 2011 (dal sito del Senato).
    Sarebbe quindi ritornato alla Camera per nuova approvazione, rifacendo quindi daccapo l’iter in commissione Affari Costituzionali.
    L’atto sarebbe ora il 1415-B e l’articolo sarebbe nel frattempo diventato il n. 29.
    La modifica del Senato consisterebbe nell’aver “meglio specificato” il concetto di “sito informatico” aggiungendo cioè:

    Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, … ecc. ecc.

    Sarebbe da capire in che modo l’emendamento del governo andrebbe ora a ri-modificare il testo di cui sopra emendato dal Senato.
    Col risultato che, ovviamente, in caso di ulteriori modifiche alla Camera il tutto dovrebbe poi tornare daccapo in Senato, per nuovo esame ed approvazione (…la storia infinita). Il ddl originale è stato presentato il 30 giugno 2008 da Alfano, quasi 4 anni fa, non so se mi spiego… ;-)

  7. frap1964 says:

    Sorry… in commissione Giustizia, ovviamente.
    Peraltro proprio il giorno 5 ottobre 2011 si dimise il Relatore del DDL in commissione al Senato, l’on. Giulia Bongiorno.

  8. .mau. says:

    Ne sono ragionevolmente certo anch’io, ma non posso muovermi col cappellino Wikimedia Italia senza un testo specifico. Ma quanto tempo ci vuole prima che i testi di DDL depositati siano pubblici?

  9. Hai perfettamente ragione, ma credo che le mie fonti siano affidabili.
    COmunque, io i ddl li vedo disponibili anche nei testi con l’assegnazione, cioe’ qualche mese dopo la presentazione. Questo sui siti Camera/Senato, non ho altre fonti particolari.

  10. .mau. says:

    ma almeno tra i progetti annunciati dovrebbe arrivare qualcosa a http://www.camera.it/141?tab=2 , no?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>