Operazioni ossidate

Tra una gara e l’altra del motomondiale (precisamente, tra la 125 e la 250) mi imbattuto in Studio Aperto.
Strano telegiornale, può piacere o no. Sicuramente diverso dagli altri anche se, probabilmente, soltanto lontano parente di quello ideato dal grande Vittorio Corona (scomparso padre di Fabrizio Corona, per la cronca).
Fatto sta, perdonate questa digressione, che danno la notizia di un 22enne indagato per pedopornografia. Per sbaglio, sembrerebbe, per il più classico dei fake scaricando da eMule (dunque, messo in condivisione).
L’operazione, definitiva “brillante”, è probabilmente questa, coordinata dalla Procura di Savona con la collaborazione della Postale di Imperia. Lo dico perché è l’ultima in ordine di tempo (i sequestri sono del 13) e – mio segreto professionale a parte – diciamo che ne so qualcosa… e presto ne saprò anche di più.
Poi, molti indagati di queste operazioni finiscono archiviati. Ma dopo anni, preoccupazioni, soldi e materiali informatici (anche di lavoro) sequestrati per lungo tempo. Nessuno lo dice, nessuno parla del problema dei fake. Bene ha fatto il 22enne. Ha fatto outing per denunciare questa situazione. E non è facile venir fuori con un’accusa così infamante.

Posted in Reati informatici.

25 Responses to Operazioni ossidate

  1. D# says:
    Catchable fatal error: Object of class WP_Comment could not be converted to string in /web/htdocs/www.minotti.net/home/wp-content/plugins/quoter/quoter.php on line 476